+39 324 0473798

Insights

Body Painting

L’attività adatta per la salute del corpo e dell’anima

Cerchi un po’ di movimento fisico ma hai difficoltà nel trovare l’attività giusta?
In questo post vediamo che cosa succede e che cosa si può fare.
Qualche volta capita che le persone si iscrivano alle mie classi di Bioenergetica Alchemica come ultima spiaggia; gente che, spinta dal desiderio di fare un po’ di attività corporea, le ha provate tutte, ma proprio tutte, senza successo finché, con molto scetticismo e senza speranza, sperimenta la mia Bioenergetica.
La loro richiesta implicita suona più o meno così: «Non so neanche io perché sono qui, la verità è che sento il bisogno di fare qualcosa per il mio corpo, ma non trovo uno sport adatto ed altre attività – tipo palestra o piscina – dopo un po’ mi annoiano terribilmente».
Da dove nasce questa problematica? Come mai è così diffusa oggigiorno? Che cosa possiamo fare per superarla?

Tempo fa lessi un articolo su repubblica.it, in cui l’inviata a Boston Elvira Naselli parlava di una clamorosa scoperta presentata dagli scienziati statunitensi durante il congresso dell’Associazione Americana per il Diabete: l’attività fisica fa bene alla salute!
Si parlava anche della proteina (UPC1) protagonista di questo benessere e la conclusione degli studi era che l’esercizio moderato e costante è quello più efficace: ma va? 😉
In realtà, pur ignorando le ricerche degli scienziati di Boston, ciascuno di noi, basandosi semplicemente sulla propria esperienza, avrà constatato che in fondo-in fondo un po’ di movimento è salutare, viceversa l’eccessiva sedentarietà può far male ai processi fisiologici che traggono energia dal movimento muscolare (come ad esempio la digestione).
Ciononostante, laddove non abbiamo coltivato negli anni una passione per un’attività agonistica specifica, trovare uno sport o qualcosa di simile può trasformarsi in una vera impresa.

Il primo problema è che, in casi del genere, andiamo un po’ per tentativi, sperando che prima o poi qualcosa “ci acchiappi” per davvero. Conosco una persona che in un solo anno è passata dal tennis all’arrampicata, passando per un mese di vela e tre di Acqua-Gym!
In secondo luogo, talvolta appare veramente complicato far conciliare i nostri impegni quotidiani con uno spazio dedicato al nostro “mantenersi in forma”. Incredibilmente il salvare anche solo una o due ore a settimana dal lavoro, dagli amici, dalla famiglia, dal riposo, può diventare più complicato che trovare uno scozzese sobrio durante un terzo tempo di Rugby…


Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti gratuiti su come vivere al meglio le relazioni e gestire efficacemente i momenti di disagio.


Cosicché, quella che potrebbe essere una fonte di benessere per la nostra vita, rischia di diventare un pensiero – talvolta anche fastidioso – connesso al “dovere” e al “senso di colpa”, legati alla salute e spesso anche all’aspetto fisico.

Giovedì scorso ho rincontrato Sandro, una delle persone che ho citato ad inizio post, una di quelle che, due anni fa, giunse alla Bioenergetica Alchemica un po’ per disperazione. Ci siamo incrociati tra gli scaffali della Feltrinelli, non lo vedevo dall’inverno scorso.
Mi ha detto che da febbraio gioca tutte le settimane a Ping Pong, che si diverte, si sente in forma, finalmente soddisfatto per aver trovato un’attività che lo gratifichi al cento per cento.
«Come mai proprio il Ping Pong?» gli ho chiesto incuriosito.
«Vedi, a un certo punto delle classi di Bioenergetica è come se si fossero risvegliati in me il piacere, il gioco, il divertimento. Allora ho compreso che erano proprio quelli gli ingredienti che mancavano negli sport in cui mi ero cimentato prima di incontrarti. A quel punto ho deciso di provare con un’attività che, oltre all’esercizio fisico, mi offrisse anche quel gioco, quel piacere e quel divertimento che avevo riscoperto. Ed ecco il Ping Pong!»

La direzione da seguire per me è proprio questa, nell’esercizio fisico come in tutte le cose che facciamo: c’è bisogno di cuore. Attenzione: “cuore” inteso come quel centro vitale che racchiude ed equilibra in sé non solo piacere corporeo, ma anche emotivo e mentale.
Occorre cioè “mantenere in forma” tutte le parti di noi, altrimenti gli stimoli iniziali sono destinanti a sparire, come chimere spazzate via da un soffio di noia.


Per maggiori approfondimenti su come la Bioenergetica Alchemica può favorire il benessere del corpo e dell’anima può contattarmi ora per un incontro gratuito.


Questo post su L’attività adatta per la salute del corpo e dell’anima è stato scritto da Alfredo Pochet, Counselor Olistico ad Orientamento Bioenergetico.

Iscritto nei registri nazionali FAIP (Federazione Italiana Associazioni di Psicoterapia) conduce percorsi individuali, di gruppo, classi di Bioenergetica e workshop tematici per favorire il benessere nelle relazioni, con se stessi e con gli altri.

Nei suoi lavori di Counseling integra metodologie moderne con tecniche maturate a seguito di un percorso di consapevolezza tradizionale.


Vuoi ricevere aggiornamenti su articoli ed eventi dedicati ai Percorsi di Crescita?
Iscriviti alla Newsletter!
Conoscerai in anteprima i prossimi appuntamenti.

Nome e cognome (richiesto)

La sua email (richiesto)

Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del d.lgs. 196/2003.

Leggi Informativa sul trattamento dei dati personali.

TUTTI I FEEDBACK

Alfredo Pochet - Percorsi di Crescita e Consapevolezza di Sé.